GRILLO SBRAITANTE

di Giacomo Ciarcia

Beppe Grillo sbraitando se la prende con gli accusatori di suo figlio circa un presunto stupro di gruppo avvenuto due anni fa. Non sta certo a noi entrare nel merito circa l’innocenza o la colpevolezza del “Grillo junior”, anche se tra i purtroppo tanti casi giornalieri di stupro non vediamo cosa ci possa essere di così impossibile o di così blasfemo quando ad essere accusati sono i vip o i figli dei vip, ma questa è un’altra questione.
Nel suo video pubblicato sul proprio profilo Facebook un Beppe Grillo visibilmente arrossato e in preda alla collera tra le tante non celate giustificazioni, afferma anche il fatto per cui sono due anni che si è aperto questo caso. Se lo ricorda bene Grillo, ed anche noi… poiché in coincidenza con lo scoppio di quel caso abbiamo potuto osservare quanto meno nel periodo immediatamente successivo una repentina virata nella politica dei 5 stelle. Dal sedicente governo “sovranista” e populista “giallo-verde”, retto tra Movimento 5 Stelle e Lega, alla benedizione del PD, al governo con il PD e le altre forze della sinistra, compreso il vituperato Renzi.
Ma non solo, in coincidenza con quell’avvenimento è radicalmente mutata anche la politica più originaria del Movimento, non più euroscettica, ma paladina della UE e dei potentati economici internazionali. Insomma Beppe Grillo primo su tutti ha iniziato proprio in coincidenza a quel misfatto che vide protagonista il figlio, a spingere in tutt’altra direzione la sua politica non più rivoluzionaria e “sovranista” che vedeva nella Lega dell’epoca l’unico possibile interlocutore al netto delle differenze, ma bensì una politica aperta alle sinistre, aperta alla UE, aperta alle politiche immigrazioniste e così via. Sarà un caso? Probabilmente sì, probabilmente il passaggio del movimento 5 stelle nelle fila del sistema era già preventivato fin dalla sua nascita, ma c’è anche chi osserva che per lo meno nella persona di Grillo abbia influito non poco anche questo avvenimento circa il rovesciamento dei principi originari.
Un Beppe Grillo allineato al perbenismo mondialista e su posizioni di sinistra indubbiamente sarebbe apparso con occhi diversi a certa magistratura, in vista di un possibile processo del figlio.

licenza immagine Grillo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi