A dieci anni dall’invasione della Libia. La Nato che si ripete

di Giovanni DEMARCO

A dieci anni dall’intervento della Nato in Libia, che fine ha fatto il Paese a lungo considerato uno dei più floridi dell’Africa? Questo intervento, che non solo ha creato il caos nella sicurezza in Libia, ma anche in molti paesi della regione, ha semplicemente distrutto le fondamenta fondamentali dello Stato. Tuttavia, i responsabili “occidentali” di questa aggressione non si sentono in colpa fino ad oggi.

Inoltre, fatto piuttosto simbolico: questo periodo commemora sia i dieci anni dall’intervento della NATO contro la Libia di Muammar Gheddafi, sia il 22 ° anniversario del bombardamento da parte della Nato nei confronti della Jugoslavia.

Se è difficile dire che i responsabili di questi attacchi un giorno risponderanno dei crimini commessi, sia contro i civili che contro i soldati dei paesi interessati, ma anche per la distruzione delle infrastrutture, il fatto è che ormai ha chiaramente diventa molto più difficile per deus ex machina di queste operazioni eseguire lo stesso tipo di campagne militari senza la possibilità di essere perseguito in alcun modo.

Tuttavia, e per tornare in Libia del marzo 2011 può davvero essere visto come l’inizio della fine dello Stato libico in quanto tale. Da allora, da uno stato che poteva permettersi di accogliere non solo migranti provenienti da paesi regionali e continentali, ma anche un numero considerevole di cittadini dell’UE, siamo passati a un paese diviso, che è diventato una grande fonte di migranti – sia la gente del posto in fuga dall’insicurezza e dalla mancanza di opportunità e gli stranieri che usano il suolo libico come terreno di transito.

Questi ultimi si trovano spesso in una situazione terribile, arrivando fino alla schiavitù totale. In molti casi, inoltre, praticata da ex alleati locali della NATO nell’operazione della caduta di Muammar Gheddafi, inclusi banditi e terroristi. Il traffico di esseri umani è diventato un luogo comune nella nuova Libia post-Gheddafi. Una cosa è certa: la Libia di oggi non ha più molto a che fare con la Jamahiriya.

È anche necessario un promemoria, e non meno importante. Vale a dire che l’operazione delle forze del patto atlantico del 2011 ha affermato di voler “proteggere i civili”. Tuttavia, Foreign Policy afferma che molti civili sono stati uccisi durante l’operazione militare della NATO e che è ora di assumersi le responsabilità.

Un altro autore di Foreign Policy, da parte sua , sottolinea che “l’intervento in Libia nel 2011 ha gettato la regione in un decennio di caos e minato la fiducia degli Stati Uniti nel merito dell’uso della forza militare per salvare vite umane”. Detto questo, sarebbe indubbiamente molto ingenuo credere che l’intervento della NATO contro la Jamahiriya libica avesse lo scopo di salvare vite umane. Per quanto riguarda l’attuale sfiducia degli Stati Uniti nel poter intervenire in varie parti del mondo senza impunità, quest’era è davvero finita, come ricordato sopra, e ciò è dovuto in gran parte principalmente al contrappeso ora esistente sull’arena internazionale.

Tornando a marzo 2011, l’obiettivo era chiaro fin dall’inizio: sbarazzarsi di uno stato sovrano e prospero per poter afferrare il più possibile delle sue risorse naturali e cogliere altre “opportunità di business”, così come ‘eliminare un rivoluzionario Leader africano e arabo, le cui non solo idee ma anche azioni hanno fatto molto per aiutare molti altri paesi africani. Questo senza nemmeno parlare degli enormi progetti che Muammar Gheddafi intendeva realizzare a beneficio non solo del suo Paese, ma anche dell’intero continente africano. Ora rappresenta solo sogni non realizzati.

Ma l’altra cosa che colpisce, ancora così specifica nella mentalità delle élite atlantiste, è la permanente arroganza che le caratterizza. Così è, ancora una volta, l’ipocrisia estrema. In quanto tale, l’appello all’ordine del francese Macron “che le forze turche e russe lascino il suolo libico il prima possibile” è il meno ridicolo – quando sappiamo quale enorme responsabilità porta giustamente il suo paese nella crisi e nel caos che persistono in Libia dopo il Intervento della NATO nel 2011. Un intervento in cui la Francia (di Sarkozy) ebbe un ruolo di primo piano.

E che se l’Eliseo vuole davvero avere un ruolo positivo nella questione libica – che nonostante l’istituzione di un governo di transizione – è ancora lontana dall’essere risolta, forse dovremmo iniziare facendo un sincero mea-culpa per la situazione che persiste questo paese dalle conseguenze dell’intervento otanico.

Queste scuse devono andare non solo al popolo libico, ma anche a tutti gli altri popoli dell’Africa i cui paesi hanno subito un forte aumento del terrorismo – soprattutto nella regione del Sahel, uno dei motivi principali per cui è proprio il “risultato” di l’intervento in Libia. In particolare in Mali – dove la presenza militare europea e della Nato esiste da molti anni, per motivi di “lotta al terrorismo”, senza ottenere risultati davvero convincenti.

La società civile maliana ne sa qualcosa, da qui ovviamente la sua forte opposizione a questa presenza.

2 pensieri riguardo “A dieci anni dall’invasione della Libia. La Nato che si ripete

  • 1 Aprile 2021 in 11:15
    Permalink

    IL LUPO PERDE IL PELO MA NON IL VIZIO…

    Come è ormai noto l’intervento in Libia è nato perché il Rais aveva le riserve auree sufficienti e il sogno di creare una valuta unica africana per uscire dall’usura franco-americana. Questo sogno gli costò la vita (la stessa fine era già toccata Saddam Hussein).
    Ovviamente i nostri alleati, prima dell’attacco, non si sono nemmeno degnati di comunicarci le loro intenzioni, ma di questo non ci stupiamo dal momento che siamo una colonia dal 1945.
    Veramente ci saremmo mai potuti aspettare uno scatto d’orgoglio dal governo di allora data la considerazione, pari a zero, ricevuta? Certo che no.
    Per darvi l’idea vi lascio il link delle dichiarazioni dell’allora Ministro della Difesa che senza problemi dichiara sulla TV nazionale: “tanto ormai la missione è partita, non possiamo tirarci indietro, c’è di mezzo l’ONU” e aggiungo io:” chi se ne frega se sia giusto o meno intervenire, chi se ne frega degli accordi che avevamo in precedenza con Gheddafi, chi se ne frega se ci hanno considerato come l’ultima ruota del carro, chi se ne frega se qualcuno ci rimetterà le penne ecc ecc…”.

    (https://www.youtube.com/watch?v=wCwiXDriKV)

    Ahimè la sciagura della Libia era solo all’inizio tant’è che ancora oggi c’è in corso il conflitto tra il generale Haftar (segretamente appoggiato dalla Francia), e il primo ministro Al Sarraj leader legittimamente riconosciuto dalla comunità internazionale. Ora pochi sanno che esiste una missione navale a guida unione europea che prevede, tra le altre cose, un embargo alla Libia per evitare che qualcuno possa portare via mare armi sul suolo libico, in modo tale che il conflitto non venga alimentato. Questa non è la sede per scendere nei particolari, si potrebbe scrivere un libro in merito, vi invito a fare delle ricerche, diciamo solo che chi porta le armi in Libia è la Turchia di Erdogan, e le porta al suo amico fondamentalista Al Sarraj.
    Quindi la Turchia è nostra alleata nella NATO, che ha dato il via alla fine della Libia, ma allo stesso tempo è nostra nemica in Europa perchè porta le armi in Libia.
    A che gioco stiamo giocando?
    Se il conflitto si risolverà a favore di El Sarraj, il signor Erdogan, che già possiede le chiavi delle porte di accesso via terra all’Europa, avrà anche le chiavi dell’accesso via mare e quindi sarà in possesso degli strumenti per poter ricattare l’Europa in qualsiasi momento, come per altro ha già fatto in passato, minacciando di aprire entrambi i rubinetti dei flussi migratori.

    Le conclusioni? Chi ci perde è senza dubbio l’Italia. Da un punto di vista materiale comunque vada il rapporto privilegiato per quanto riguarda gas petrolio ecc, che avevamo con Gheddafi, è ormai perso e saremo sempre di più il corridoio di accesso all’Europa.
    Quello che però ritengo ancora più grave e che l’Italia partecipa a queste operazioni con entusiasmo, spesso ne prende anche il comando, e proprio non sente percorrere un brivido lungo la schiena, quel brivido che dovrebbe ridestare un minimo di orgoglio, dignità, intransigenza, autorevolezza. Per risalire bisognerà toccare il fondo, ahimè qui si è iniziato a scavare.
    Il primo pensiero lo dovremmo comunque rivolgere principalmente ai morti che la guerra ha fatto e sta facendo. Sono morti caduti per colpa dell’occidente. Sono morti che pesano sulle nostre coscienze. Sono morti che facciamo per le garantire il nostro ridicolo stile di vita edonistico, materialistico e consumistico. Lo stile di vita che la nostra area deve assolutamente combattere perché è all’apice di tutti i mali!

    Rispondi
    • 1 Aprile 2021 in 20:30
      Permalink

      Vincenzo. L’Italia e’ una ex grande nazione. Come dici tu, ormai grande colonia guidata da piccoli uomini al soldo di interessi stranieri e diversi. A questi piccoli uomini, che a loro volta hanno posto altri piccoli uomini in punti chiavi della pubblica amministrazione e ahimè delle forze armate, fa piacere ricevere il contentino della guida di missioni o azioni internazionali sotto il cappello ONU o Nato.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi