STATO, DOVE SEI?

La piccola statura dei governi di stampo liberale, come quelli che si sono succeduti dal 1945 in avanti, è visibile ormai sempre di più a tutti. Non fa certo eccezione quello presieduto da un banchiere come Mario Draghi, portavoce delle istanze tecnocratiche chiamato da coloro che detengono le redini di quell’agglomerato capitalista denominato Unione Europea ad amministrare la provincia italiana. La carenza di amore per il suolo che si amministra, e di rispetto per la sua cultura, le sue tradizioni, ma anche e soprattutto i suoi abitanti, si manifesta ogni volta in cui servirebbe uno scatto di orgoglio che solo la passione e la dignità possono far scaturire. Ma passione e dignità, si sa, non sono caratteristiche che appartengono ai tecnocrati dell’alta finanza, abituati a parlare il linguaggio del mercato e non quello del cuore. E cosi accade che venga permesso ad uno Stato, in questo caso l’Austria, di mettere in pratica un odiosa discriminazione verso i camionisti italiani che possono attraversare il confine solo con la certificazione del fatto essere negativi al tampone del Covid. Una misura offensiva, che reitera stereotipi antichi di stampo anti italiano, che non ha sortito nessun tipo di reazione da parte di uno Stato che è per primo esso stesso contro l’Italia, come dimostra il fatto che, anche con la Lega del “sovranista” Salvini al governo, prosegua indisturbata l’invasione migratoria che stiamo subendo da anni. Un governo nazionalpopolare difenderebbe i propri confini, e tutte le persone che dentro quei confini vi abitano. Liberismo, tecnocrazia e capitalismo sfrenato hanno fallito, urge un cambio di rotta che solo il Movimento Sociale Fiamma Tricolore può imprimere, attraverso un programma politico chiaro e un ritrovato identitarismo che sia alla base di ogni scelta da prendere. A noi non interessa fare contenti gli azionisti di qualche grande società ma rendere migliore la vita degli italiani, e non scenderemo mai a compromessi di nessun tipo per raggiungere questo obiettivo.
Daniele Proietti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi