CON I RISTORATORI E LE IMPRESE DEL TURISMO SENZA SE E SENZA MA

Il presidente del consiglio Draghi, c’era da aspettarselo, ritiene che la soluzione ai mali dell’Italia post covid19 sia nella cessione di ulteriore sovranita da parte del nostro Paese alla unione Europea. Non mette veli alle intenzioni, quindi il presidente Draghi su quelle che sono le proprie intenzioni e su quello che sarà il canovaccio sul quale muoverà le mosso il governo pentapartitico.
Ci risiamo: la troika detta legge, e noi dobbiamo obbedire.
L’esecutivo dimostra quindi di non aver a cuore le piccole e medie imprese italiane, tra le quali le imprese della ristorazione e del turismo che sono quelle che stanno sopportando duramente e piu di tutti la crisi economica dovuta alla pandemia. Settore questo che piu di altri impiega giovani e donne in maniera continuativa o stagionale.

Ma lui no. Draghi non ha di certo a cuore le piccole imprese italiane; il governo da lui guidato ha diversi intenti; Il mercato globale, l’omologazione dei prodotti, lo strapotere delle multinazionali, e cioè di tutto cio che sta uccidendo settori chiave della nostra economia, e di ciò che è il fiore all’occhiello, da secoli, che ha contribuito a rendere famosa e bella la nostra Italia, fornendo inoltre un contributo economico determinante.

Avversare questo modus operandi non è altro che vero amore per la nostra Patria; avversare la fine della piccola e media imprese e quindi voler bene alle nostre donne e ai nostri giovani sarà il nostro intento nei mesi che verranno. Avversare la cessione ulteriore di Sovranità sarà il nostro sacrosanto dovere.
E ci definiranno sovranisti; ne andremo fieri, dispiaciuti dal fatto che il nosto governo, i nostri parlamentari e tutti i nostri rappresentanti nelle istituzioni non lo sono.

Quel contributo che oggi lo Stato nega ai ristoratori, costretti da scelte miopi a tenere chiuse le loro attività, con tutto ciò che a questo consegue in termini di aumento della disoccupazione e non solo. Il Movimento Sociale Fiamma Tricolore riconosce nella ristorazione e nella cucina italiana un grande valore, individuando in esse un simbolo della nostra identità nazionale  e si fa portavoce del giusto malcontento di chi oggi, a ragione, si sente del tutto dimenticato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi